Notizie - Recensioni

Backup con Dropbox e virus ransomware

Backup con Dropbox e virus ransomware

Una delle più sempilici  e valide proposte in tema di archiviazione dati su server remoto è quella del servizio Dropbox. Molto conosciuto, offre possibilità di archiviazione gratuita fino a 2 GB e poi dei profili a pagamento. Con la possibilità di installare l’applicazione sia su PC che su dispositivo mobile, archiviare e sincronizzare i propri file diventa una cosa immediata e facile.

Dropbox offre una importante funzione che è la possibilità di recuperare le versioni precedenti dei file archiviati.

Questa funzione che permette di effettuare in pratica una sorta di backup incrementale, offre un ulteriore grande vantaggio: permettere di recuperare eventuali file che fossero stati aggrediti da virus di tipo ransomware.

I virus ransomware, sono stati diffusi negli ultimi anni, sono messi in circolazione da malintenzionati con lo scopo di criptare i file che si trovano sul PC infetto e chiedere poi un sorta di riscatto per ottenere la chiave di decifratura. I file colpiti dal virus cambiano estensione e diventano inutilizzabili.

A questo punto  possiamo contare solo su un backup dei nostri file per recuperarli, ma attenzione, le più recenti versioni di questi virus possono aggredire anche i computer collegati in rete e gli eventuali dispositivi collegati al nostro computer.

Ecco allora che la funzione di Dropbox per ripristinare le versioni precedenti dei nostri file può permetterci un recupero provvidenziale.

1 Commento

  1. […] sicurezza vanno considerati sia la copia dei dati importanti su risorse remote (dai semplici Dropbox, Google Drive, ICloud fino alle soluzioni storage di Amazon) sia il salvataggio delle copie su […]